Qual è la lunghezza ideale di un articolo?

Qual-è-la-lunghezza-ideale-di.un-articolo

In quanto blogger, sarai abituato a spendere una quantità enorme di tempo la creazione di contenuti, in particolar modo editoriali. L’intento è ovviamente quello di avere contenuti di successo, giusto? Potresti essere in un momento di stallo, una comfort zone in cui stai scrivendo contenuti tutti di una lunghezza simile, ma qual è la lunghezza ideale di un articolo?

E se questa lunghezza è più corta di circa 2.000 parole, potrebbe non essere una buona idea per i tassi di conversione e di impegno. È provato che i contenuti long-form si comporta meglio dei contenuti in forma abbreviata.

Ecco tutto quello che dovresti sapere su come performano i contenuti lunghi rispetto alle prestazioni di contenuti in forma abbreviata, e perché si dovrebbe optare per la prima tipologia!

Perché le persone pensano che siano meglio gli Short-Form

Spesso si tende a pensare che le persone non leggano più e si tendono quindi a produrre contenuti sempre più brevi e facili. In molti navigano sul web da mobile e lo schermo è piuttosto piccolo per dedicarsi alla lettura. Il contenuto breve può essere ben digerito dai lettori, ma non converte in modo ottimale, a meno che, ovviamente, la Domain Authority del tuo sito non sia altissima!

Qual-è-la-lunghezza-ideale-di.un-articolo-contenuto-post

Gli articoli Long-Form e la SERP di Google

Se si valutano i primi dieci risultati dei principali motori di ricerca, uno su tutti, Google, noterai che la lunghezza media del contenuto collocato in prima posizione è di circa 2.450 parole.

Come si spiega? Negli ultimi anni, il numero di utenti che compiono ricerca in Google è aumentato, così come le keyword con long tail: le persone hanno iniziato a utilizzare il web come fonte primaria di informazioni. Mentre alcuni utenti vogliono articoli brevi e contenuti veloci, altri vogliono profondità e materiale ultra-informativo.

Dal momento che i contenuti a lungo forma ha meno concorrenza, in via preliminare, è probabile per classificare meglio e trovare la sua nicchia di utenti più facile che i contenuti in forma abbreviata, che satura già sul web.

Alcuni consigli per utilizzare al meglio i long-form content

Ottimo, hai deciso di optare per i contenuti lunghi, ora è il momento di un po’ di consigli per sviluppare con successo questa forma. I tuoi utenti li ameranno!

– Un contenuto lungo e corposo può apparire come un vero mattone agli occhi dei lettori. La formattazione in questo caso conta moltissimo, rendi il contenuto facilmente accessibile. Come? Utilizza intestazioni, elenchi puntati, paragrafi e interruzioni. Ti aiuteranno a rendere il contenuto maggiormente interessante a appetibile all’utente che atterra sulla tua piattaforma.

– Un secondo tips è quello di utilizzare delle immagini. Uno dei migliori aspetti dei long-form content è che forniscono tutto lo spazio necessario includere per includere fotografie, video e infografiche. Questi elementi esaltano il contenuto e lo rendono più prezioso agli occhi dei lettori. Alterna i paragrafi principali con degli elementi grafici e il tuo articolo risulterà maggiormente interessante e comunicherà al meglio con l’utente.

– Fai sii che il contenuto sia sempre più a lungo di 1.500 parole, si ottimizzerà al meglio.

– Opta (qualche volta) per i listicle. Questo tipo di contenuti è molto catchy per i lettori e mantiene leggibili anche ii contenuti più lunghi.

Qual-è-la-lunghezza-ideale-di-un-articolo

Il verdetto finale: qual è la lunghezza ideale di un articolo

Anche se i contenuti long-form richiedono più energie, tempo e sforzo rispetto al produrre contenuti in forma abbreviata, si tratta di un ottimo modo per aiutare il rank del tuo sito e per ottenere un maggior numero di visitatori. Con la creazione di più contenuti long-form, si può facilmente diventare leader di contenuti e posizionare meglio il proprio sito.

 

E tu, che tipo di contenuti proponi ai tuoi utenti? 

2 Comments

  • Michela scrive:

    Ottimo articolo Erica! Mi sono accorta che non ho mai superato le 400 parole nei miei articoli. Forse è arrivato il momento di allungarli un po’, non scordando però la “qualità” del contenuto.
    Grazie di tutte queste preziose info!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *