Outfit da colloquio: consigli per fare un’ottima impressione

outfit-da-colloquio-consigli-per-fare-un-ottima-impressione

Quanto conta l’outfit quando si affronta un colloquio di lavoro? Tantissimo. E anche se spesso si dice che l’abito non fa il monaco, mai come in questo caso il detto si dimostra fasullo: è vero che le qualità fanno sempre la differenza in positivo, ma è l’abito che rappresenta il nostro biglietto da visita, che parla di noi al posto nostro e che, sin dal primo impatto, sancisce l’impressione che i selezionatori avranno di voi. Una impressione che difficilmente varierà nel corso del colloquio. Ecco perché è importantissimo presentarsi al top dell’eleganza, ma sempre senza esagerare, né in un verso né in un altro. Vediamo quindi alcuni consigli utili!

Come vestirsi a un colloquio di lavoro?

La prima regola è non esagerare con l’eleganza, perché un outfit eccessivamente ricercato potrebbe stonare e risultare un po’ troppo “costruito”, dunque forzato e poco naturale. Uno dei migliori modi per essere elegantissime è indossare una bella camicia: un capo molto professionale e sobrio, che si abbina perfettamente a una valanga di opzioni in termini di look, come ad esempio la classica gonna lunga oppure il pantalone sartoriale, per le donne che amano lo stile manager. Infine, anche la giacca è un must che a un colloquio non deve mancare. Per quanto riguarda i colori, è meglio rimanere sul classico e scegliere una tinta unita per i pantaloni, la gonna e la giacca (ad esempio, nero, blu scuro o anche bianco); mentre con la camicia potete giocare un po’ di più: dalle tinte unite alle stampe, le opzioni di certo non mancano. Infatti, anche online, ad esempio su yoox.com è possibile trovare camicie da donna in tantissimi colori e fantasie diverse. La cosa più importante è scegliere qualcosa che si addica al proprio stile personale e nel quale vi sentite a vostro agio.

Quali sono gli errori da evitare in termini di outfit da colloquio?

È importante anche tracciare delle regole per individuare quali sono gli errori da non commettere. Ad esempio, da evitare assolutamente scollature, minigonne o spacchi, tutti elementi poco professionali non adatti a un contesto lavorativo. Per quanto riguarda le scarpe: no alle calzature sportive, ma no anche ai tacchi molto alti; la soluzione migliore sono le scarpe basse tipo stringate, eleganti e pratiche. Inoltre, è sempre meglio evitare di vestirsi troppo vintage o di presentarsi con i jeans strappati, che sono un autentico colpo allo stile. Infine, ricordate questa regola: un colloquio non sempre richiede il tailleur, perché dipende anche dalla tipologia di incontro o di lavoro per il quale state concorrendo. Ad esempio, se state andando a un colloquio in banca, meglio vestirsi molto formali, mentre se si tratta di un colloquio per un lavoro creativo, potete anche permettervi di essere un po’ più casual.

 

Vuoi approfondire l’argomento? Leggi anche 5 consigli per fare una buona prima impressione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *