La Storia del Fashion Blogging

la storia del fashion blogging

Oggi il Blogging è un settore in grande espansione, ma ti sei mai chiesto come ha avuto inizio la Storia del Fashion Blogging? Il mondo è saturo di Blog di ogni tipo, in particolar modo di moda, ma da dove sono nati? Il Blogging di Moda possiede una storia più lunga di quella che si potrebbe pensare.

Quando eravamo bambini, i blog erano i nostri privatissimi diari scritti a mano, da condividere solo con gli amici. Poi quando siamo stati teenager c’erano quei maxi raccoglitori in cui infilavamo tutte le pagine di giornale, articoli di riviste, fotografie e adesivi! Che cosa è accaduto dopo? Che quei diari sono stati sostituiti dai Blog!

Ma ecco cosa è successo al di fuori delle nostre camerette:

Nel 1978, Bill Cunningham, un fotografo americano, ha fotografato per strada la splendida attrice Greta Garbo e queste fotografie finirono pubblicate su una pagina sul New York Times. Un fenomeno che divenne una vera e propria rubrica di immagini estemporanee chiamate Streetstyle. Il suo editore, Arthur Gelb, definì queste fotografie “un punto di svolta per il Times, perché era la prima volta che il giornale pubblicava immagini di personaggi famosi senza chiedere loro il permesso“.

Storia-del-Fashion-Blogging-Bill-Cunningham Storia-del-Fashion-Blogging-Streetsyle

Facciamo poi un salto nel tempo, nel 1999 lo sviluppo di RSS (Really Simple Syndication) rende più facile iscriversi ai Blog che iniziano a girare in rete e prendere forma. Dopo pochi anni, nel 2002 circa, iniziano a diffondersi in internet i Blog di Moda e poco tempo dopo la Blogger Kathryn Finney viene invitata alla New York Fashion Week.

Nel 2004 nasce Flickr, una piattaforma online dove fotografi e artisti caricano i loro lavori e li condividono con il mondo del web. Al contempo The Sartorialist inizia a segnare significativamente una nuova epoca della fotografia di Street Style.

Storia-del-Fashion-Blogging-The-Sartorialist

Twitter, nato nel 2006, segna ancora un’altro punto di svolta, da quel momento in poi i Fashion Blogger poterono aggiornare i loro seguaci in tempi brevissimi e tutto diventò live.

L’anno successivo Rumi Neely comincia a vendere i suoi primi capi vintage su Ebay e nel 2008 apre il suo Blog Fashion Toast. Nello stesso periodo, a soli 11 anni di età, Tavy Gevinson lancia il suo Blog Style Rookie, che la rende la più giovane Fashion Bloggger. Il fenomeno si fa sempre più evidente e Dolce e Gabbana invitano (a sedere in prima fila) una serie di Fashion Blogger al loro fashion show durante la New York Fashion Week.

Nel 2011 Rumi Neely viene citata sulla CNN money, dimostrando che un Blog di Moda può diventare una grande azienda.

Storia-del-Fashion-Blogging-Rookie Storia-del-Fashion-Blogging-Rumi-Neely

Oggi i Blogger di Moda sono come self made superstar in grado di inspirare con il loro stile unico e personale milioni di lettori e sognatori in tutto il mondo. Ma, come accade per ogni cosa, rappresentano un fenomeno amato da molti e odiato da altrettanti. Ad alcuni stilisti e case di moda piace avere i Blogger alle loro sfilate, altri sono più riluttanti.

 

E ora, dopo aver letto la storia del blogging di moda, come pensi che accadrà in futuro? Qual è il prossimo step?

 

Fonte: Chapter Friday.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *