30 under 30: lezioni e ispirazioni dalle giovani donne di successo

30-under-30-le-ispirazioni-dalle-giovani-donne-di-successo

Le ispirazioni dalle giovani donne di successo possono aiutarci ad affrontare i nostri piccoli drammi quotidiani, ma anche motivarci a fare di più e a crescere professionalmente oltre che personalmente.

Influencer, leader, imprenditori capaci di pensare out-of-the-box che stanno cambiando le rispettive industrie e stanno facendo un differenza. Persone, anzi giovani, di successo, che stanno cambiando il modo di vedere le cose.

La maggior parte delle donne presenti quest’anno nella lista di Forbes 30 under 30 ha meno di trenta anni e sta definendo il propri ruolo, non importa quale. Ecco le lezioni e le ispirazioni tratte dalle donne più interessanti tra i 30 under 30.

1. Non pensare: fallo e basta

Quinn Shephard ha solo 23 anni e ha già scritto, prodotto e diretto un film che ha iniziato a scrivere quando aveva solamente quindici anni. “Ho sempre saputo che mi stavo muovendo molto velocemente come artista. Ho iniziato a lavorare al mio film quando avevo quindici anni. Sapevo che volevo che fosse il mio primo film e volevo solamente uscire da scuola il più velocemente possibile per recitare.”

A volte occorre studiare a lungo e capire con il tempo quale sia la strada giusta per noi, altre volte bisogna buttarcisi a capofitto. Quinn sapeva quello che voleva e ci ha provato, anche se ancora non sapeva come avrebbe fatto.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Quinn Shephard (@quinnshephardofficial) in data:

 

2. Rimani fedele a te stessa

Gilda Ambrosio è prima di tutto nota come influencer di moda, ma è soprattutto una stilista. Gilda ha creato un brand con Giorgia Tordini, Attico, e questo è il motivo per cui è arrivata alla lista dei 30 under 30. Le due socie hanno confessato di non aver fatto analisi di mercato prima di lanciare il brand:”Abbiamo semplicemente fatto ciò che ci sembrava vero. Per quanto romantico o banale possa sembrare, ci piace pensare che il riconoscimento che abbiamo ottenuto finora sia dato da un sincero interesse verso le nostre creazioni”

Spesso, nel tentativo di creare qualcosa di nuovo, le persone cadono nella trappola che devono essere uguali a tutti gli altri. Gilda e Giorgia sapevano che potevano creare abiti meravigliosi, diversi da quelli che erano stati visti prima e, usando i loro potentissimi social media, hanno potuto promuovere molto bene il marchio.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Gilda (@gildaambrosio) in data:

3. Preparati a risolvere il problema

Dani Roche è la venticinquenne fondatrice dell’agenzia creativa Kastor & Pollux e ha sviluppato il suo personalissimo impero: “Ogni giorno è un miscuglio di nuove sfide. […] Una delle parti più impegnative di avere un proprio business è la mancanza di separazione tra le relazioni personali e quelle commerciali, e non sapere in quale corsia io debba stare. Tuttavia, nel corso degli anni ho imparato che è meglio evitare la comunicazione eccessiva e l’essere sincero trionferà sempre”. Non importa quanto duramente lavori, devi concentrarti su te stesso ed essere creativo anche nei modi in cui risolvere i problemi. Possedere un’attività in proprio significa letteralmente avere un problema dopo l’altro che è necessario affrontare. Impara a combatterli giorno per giorno.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da DANI ROCHE (@daniesque) in data:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *